L’Arciconfraternita del Rosario di Bitonto candida i suoi Misteri all’Unesco

L’Arciconfraternita del Rosario di Bitonto candida i suoi Misteri all’Unesco

15 Ottobre 2019 Off Di ConfraPuglia.it

Due anni fa, a Roma, ben 26 Comuni Italiani – che toccavano lo Stivale da Nord a Sud – sottoscrissero un protocollo per candidare processioni e immagini della Settimana Santa all’Unesco come patrimonio immateriale, per la prima volta nella storia Lo scorso 11 ottobre, si sono aggiunti cinque Comuni, chiudendo il cerchio e arrivando ad un totale di 31 città. Tra queste c’è anche Bitonto che – grazie all’impegno dell’Arciconfraternita del Rosario –  ha aderito al dossier di candidatura con “Canto a Maria Desolata”, la “Processione dei Misteri” e la “Vestizione dei simulacri e degli statuìire”.

A far da coordinamento alla cordata dei Comuni di cui faranno parte, in Puglia, anche le processioni e i simulacri di Lizzano e Ginosa in provincia di Taranto, oltre ad Oria e Torre Santa Susanna nel brindisino, l’associazione nazionale Europassione.

“Il nostro impegno – afferma il presidente di Europassione, Flavio Salino – è quello di riuscire a far emergere le potenzialità perché ci sono di ogni singola rappresentazione perché una diversa dall’altra ma soprattutto l’aspetto culturale per gli approfondimenti che ogni comunità fa nel modo suo come meglio crede con le risorse umane che ha ma che certamente conducono tutti quanti ad un unico obiettivo cioè capire fino in fondo a questa parola di Cristo”.

Tratto da Teleregione, scritto da Viviana Minervini

_______________________________________________________________________________________________________________